Pagine

sabato 4 luglio 2009

Cafone! Cafone a chi?


__________________________________________________________________
La parola: cafone (cioè coloro che andavano in città, al mercato, co' a fune = *con la fune*, perché portavano il bestiame con sé); per estensione, contadini del Sud.
__________________________________________________________________



(a partire da 1'40")

Nel film con Totò Miseria e Nobiltà, 1954), il cafone è il personaggio di sinistra, cappellaccio un po' sformato, giacca spiegazzata di chi lavora la terra, il cafone è un po' come il contadino del detto scarpe grosse cervello fino,[1] solo che il cervello non è fino, cioè non è furbo.

Bestia da soma, lavora ed è sfruttato, poco capisce di ciò che esuli dal suo lavoro, spesso non sa leggere (nel film, Totò è lo scrivano pubblico cui il cafone si rivolge), ignora le buone maniere.




Da qui una serie di parole hanno subìto un significato traslato che si è connotato socialmente (in senso figurato). Oltre a cafone[2], ci sono villano e zotico.

In un romanzo di fine '800 o anche in Fontamara (1930, di Ignazio Silone), i cafoni sono i lavoratori della terra, i contadini.



Curiosità
: esiste anche il pane cafone (metto il video per prepararlo).






Oggi? Un cafone è qualcuno che è maleducato. Si dice "Cafone!", "Sei un cafone!", "Lei è un cafone!" a qualcuno che ci ha fatto una scortesia palese, spesso ci ha risposto male, o ha un atteggiamento rozzo, incivile e anche incurante della sua poca urbanità.

Cafone è anche chi fa alza il dito medio, all'americana (pare però che il gestaccio lo abbiano inventato i francesi), eh?



_______________
[1] Si pensi al personaggio televisivo/teatrale creato da Martufello (nella vita: Fabrizio Maturani)
[2]In francese, goujat (in origine *valet d'armée*) ha subìto medesima sorte.

3 commenti:

il cuoco ha detto...

Seguirò vlentieri questo blog

Vertumno ha detto...

Bel blog, complimenti.
Piccola obiezione: da una troppo lontana universitaria mi sembra di ricordare che ci sia anche una possibile etimologia, dal nome di un legionario o centurione chiamato Cafo. Confermi?

Artemide Diana ha detto...

confermo. Grazie al cuoco e a Vertumno.